Prossimi eventi

Nessun evento

A Lizzano (TA): “Frontiere”, il musical della vita

 

frontiere lizzanoE come in Messico, ha debuttato sabato 18 giugno un'altra versione di FRONTIERE a Lizzano (TA) con la compagnia Lab Teatrale Lizzano alla quale facciamo un grande ringraziamento per aver scelto di trasmettere il nostro messaggio impegnandosi a metterlo in scena.
Orgogliosi di questo spettacolo targato ScalaMusic che attraversa e supera davvero tutti i confini!!

Per vedere qualche foto del debutto:
http://www.lizzano.eu/musical-frontiere/

Per leggere il comunicato stampa, clicca qui.

 

La migrazione va in scena

 

fronteras messicoZacatecas - Martedì 21 giugno al Teatro Ramon Lopez Velarde è andato in scena “Fronteras – el musical” (“Frontiere - il musical”) con il quale si cerca di sensibilizzare le persone sul fenomeno globale della migrazione.
Lo spettacolo ha raccontato otto storie di migranti provenienti da varie parti del mondo rivivendo i problemi che hanno affrontato durante il loro viaggio verso le più svariate destinazioni.
La musica e la danza hanno accompagnato le storie dei vari personaggi, con una canzone evocativa a completamento delle varie narrazioni teatrali dello spettacolo.
Si tratta di uno spettacolo basato sul musical italiano “Frontiere” di Scalamusic, questa volta rappresentato dal gruppo composto da alcuni talenti originari di Zacatecas o provenienti da altri stati e che risiedono in Zacatecas.

Fonte e testo originale: http://ntrzacatecas.com/2016/06/21/representa-la-migracion-en-escena-fronteras-el-musical/

 

ATTENZIONE!!!

avviso contattoSi segnala che per alcuni giorni non sarà disponibile il contatto telefonico abituale di Scalamusic (333 2118809).
Per contattare l'Associazione, si prega di far riferimento al seguente numero: 349 0651711.
Grazie per la collaborazione!

La Segreteria

Scalamusic a Berna

Articolo Insieme

Hanno portato una ventata di gioventù, di allegria, di speranza; hanno offerto la loro toccante testimonianza; con canti, danze e racconti hanno fatto riflettere sul tema dell’emigrazione una sala affollata e partecipante. I giovani scalabriniani di Scalamusic (che bello vedere, incontrare e parlare con dei giovani così!), che hanno scelto la musica per raccontare il fenomeno migratorio, hanno rappresentato, nell’ambito della festa patronale della Missione di Berna, un mix del loro musical „Frontiere“.

Hanno proposto storie vere di chi ha provato ad attraversare i confini fisici, culturali, ideologici alla ricerca di condizioni di vita più umane. Uomini e donne che per diverse ragioni, hanno lasciato la loro patria, spesso gli affetti più cari, nella speranza di un futuro diverso, migliore per sé e per la propria famiglia. E le frontiere sono tante: geografiche, politiche, psicologiche. Il loro guardiano, il poliziotto Frank, vinto dalla commozione e dalla pietà per le storie cui è quotidianamente confrontato, alla fine apre la porta del suo cuore all’accoglienza e alla solidarietà.

SCALAMUSIC DI NUOVO SU YOUTUBE!!!!!

SCALAMUSIC: La migrazione si può raccontare anche così…

Rap e pop insieme, è questa la sfida per affrontare la tematica scottante ed attuale del viaggio, spesso drammatico, di milioni di persone in cerca di un futuro.

copertina singolo OKDal 7 novembre 2015 alle 18:00 sul canale Youtube Halidonmusic (www.youtube.com/user/HALIDONMUSIC)

Affidandosi alla melodia e al ritmo martellante delle parole che si susseguono, due ragazzi, Andrea Piccirillo di Torino, e Gianmaria Aletti (Miura) di Roma assieme a p. Gabriele Beltrami, missionario scalabriniano, hanno composto “Non si può morire di speranza” (© Scalamusic 2015).

La voglia di provare ad immergersi, e ci scusiamo per l'immagine evocativa, nelle storie di questi uomini, donne e bambini, ha dato vita al brano che prova a raccontare, con uno zoom strettissimo ed un incalzare ritmico martellante, queste vicende.

RIVISTE CHE PARLANO DI SCALAMUSIC

 L'EMIGRATO aprile-giugno 2015                 e                SCALABRINIANI 4 - 2015 

                                                                                                           

non si puo

  articolo torino